Crea sito

Come creare e pubblicare pagine statiche in WordPress al posto degli ultimi post in home.

Su WordPress puoi creare delle pagine statiche.

Queste rispecchiano per molti aspetti i classici articoli con cui tieni aggiornato e arricchisci il tuo blog.

Soprattutto sono principalmente utili per creare menù statici che raccolgono informazioni personali.

O aziendali a cui si vuole dare un’importanza e una posizione diversa nella grafica del blog.

Quando si crea un sito “non blog” con WordPress è essenziale togliere la raccolta degli ultimi post in homepage, come invece è pre-impostato dopo l’installazione.

Al posto degli ultimi post in home mostreremo una pagina personalizzata che creeremo appositamente.

Come creare una pagina statica in WordPress.

L’Attributo pagina parentela nelle pagine statiche.

La principale differenza rispetto agli articoli è che le pagine possono essere imparentate.  Alcuni temi permettono la creazione di menù formati da pagine incapsulate ad albero:  questo ti permette di creare presentazioni aziendali e d’autore.

Facciamo un esempio pratico: se sono un fotografo e voglio presentare, insieme al mio blog, anche la mia sezione dei servizi professionali.

Potrei creare una struttura ad albero del mio portfolio lavori e i servizi.

Ad esempio potrei creare la pagina “Servizi” dove al suo interno potrei inserire altre pagine come: Matrimoni, Convegni, Eventi, Eventi Sportivi, Serate, Comunioni

Leggi anche:  Nuove statistiche per il tuo blog pubblicate nella bacheca WordPress.

Questa struttura non sarebbe altrimenti possibile con il semplice utilizzo degli articoli.

scrivere 6

L’Attributo Template nelle pagine statiche.

Questo attributo ti permette di creare pagine con uno stile e una presentazione grafica che puoi personalizzare e distinguere da quella standard del tema; il template deve prima di tutto essere creato e caricato nella cartella del tema che stai utilizzando.

scrivere 6

Come creare pagine statiche.

Per creare una pagina statica vai in Pagine -> Aggiungi nuova

scrivere 5

La creazione di una nuova pagina è pressoché identica a quella di un nuovo articolo.

Quindi abbiamo appena parlato delle uniche differenze relative alla possibilità di creare parentele fra le pagine.

Di conseguenza, anche, alla creazione di un Template per le pagine così da cambiare l’aspetto e lo stile rispetto a quello predefinito e infine con l’opzione “ordinamento”.

Tuttavia puoi specificare un ordine che la pagina assumerà in presenza di un menù.

In questo caso il menù sarà costruito rispettando l’ordine fornito tramite questo parametro.

Soprattutto ricorda sempre che questa opzione può variare da tema a tema.

Le altre impostazioni.

Tutte le altre impostazioni e parametri non differiscono per funzionamento a quello degli articoli:

  • Possiamo salvare le pagine nello stato Bozza e In Sospeso.
  • Le pagine possono essere programmate per la pubblicazione come per gli articoli.
  • Le pagine prevedono tutti i contenuti, le impostazioni, i tag HTML e i media content previsti per gli articoli.
  • I commenti sono supportati sia per i pingback che i trackback.
  • Le pagine prevedono un autore che può essere specificato.
  • Le pagine supportano i campi personalizzati.
  • Anteprima per pagine così come per gli articoli.
Leggi anche:  Come migliorare il SEO del Blog WordPress in maniera efficace.

Fonte: Altervista Tutorials

Print Friendly, PDF & Email

2 Risposte a “Come creare e pubblicare pagine statiche in WordPress al posto degli ultimi post in home.”

  1. Ottimo articolo! Leggendo questo post mi sono accorto di quanto abbia dato rilevanza a pagine che in realtà non sono quelle che vorrei che i miei lettori trovassero per prime, infatti sto provvedendo all’aggiornamento! Ti chiedo un’altra cosa già che ci sono: che tu sappia l’implementazione di SSL ha impatto sulle ricerche di Google? Cioè il fatto di cambiare indirizzo fisico (da http a http, può influenzare il ranking della mia pagina?

    1. L’https comunica fiducia a Google @ubuntulandia, per cui è sicuramente un fattore positivo. Si tratta comunque di un fattore di importanza relativa e che impatta minimamente nel ranking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.