Ginger è una soluzione completa che rende il sito web conforme alla normativa sui cookie dell’UE.

Ginger è una soluzione completa che rende il sito web conforme alla normativa sui cookie dell’UE. Configura il banner iniziale e blocca i cookie, facendo scegliere all’amministratore del sito se bloccarli prima o dopo la scelta degli utenti. Per legge però i cookie devono essere bloccati prima e sbloccati solo nel caso in cui l’utente da il consenso. Ginger permette di farlo.

banner-consenso-o-blocco-cookie

BANNER COOKIE. NOTATE IL PULSANTE PER DISABILITARE TUTTI I COOKIE DEL SITO

Infine Ginger permette di bloccare solo i cookie non necessari, lasciando in esecuzione quelli tecnici che servono per le funzionalità essenziali del sito (tra questi Google Analytics con IP Anonimizzato).

Il regolamento permette anche che i cookie possano essere bloccati in modo “granulare”, ovvero si può lasciare all’utente la scelta di quali cookie bloccare (è la soluzione adottata da cookiebot ma ripeto, non è obbligatoria). Ginger li blocca tutti in un colpo solo e questo è in regola con la normativa.

Ginger supporta il blocco per i cookie dei seguenti servizi:

  • Google Adsense
  • Google Analytics
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google+
  • Google maps
  • Youtube
  • Vimeo
  • Disqus
  • ShareThis (Servizio di condivisione)
  • JavaScript e Iframe personalizzati

È inoltre compatibile con

  • Plugin di Cache
  • WPML e Polylang

Prima di andare a vedere come configurare il plugin per il blocco dei cookie Ginger, voglio premettere che gli sviluppatori hanno lasciato il progetto agli sviluppatori volontari su github. Inizialmente infatti il plugin era gratis per le funzioni base e se si volevano le funzioni avanzate bisognava acquistare degli addons. Poi, per mancanza si tempo, il team ha posto ai margini delle proprie attività questo progetto, rendendo gratuiti anche gli addon (che ora sono compresi nel file d’installazione). Se sei uno sviluppatore e vuoi contribuire al suo miglioramento puoi andare su https://github.com/webgrafia/ginger. Su github comunque ho notato la presenza attiva di uno di loro.

Come Configurare Ginger Plugin WP
  • Installate Ginger e attivatelo.
  • Dopodiché troverete l’icona di un biscotto (tipo uomo focaccina per intenderci) sul menu della bacheca di WordPress.
  • Cliccateci sopra
  • Iniziamo la configurazione

Il pannello di settaggio del plugin si compone di 4 tab:

  • Configurazione Generale
  • Banner Setup
  • Privacy Policy
  • More

Su More vi suggeriscono solo di creare le vostre privacy e cookie policy sottoscrivendo un abbonamento a Iubenda.

pannello configurazione gigner su WP

PANNELLO CONFIGURAZIONE GIGNER SU WP

Configurazione Generale

Ecco le impostazioni che potete dare al plugin in questa sezione.

  • Abilita Ginger: Abilitato
  • Hai un sistema di cache: Seleziona SI se hai un qualsiasi plugin che gestisce la cache
  • Tipo di conferma dei cookie: Scegli Opt-In per tenerli disabilitati fino a che il consenso non viene espresso sul banner. Scelta obbligatoria per essere a norma.
  • Scrolla per confermare: Seleziona “non abilitare i cookie con lo scroll” – il consenso deve essere esplicito
  • Clicca fuori dal banner per accettare i cookie: Seleziona NO. Stessa ragione di prima
  • Forza il reload della pagina: Seleziona SI
  • Stress Mode: Se selezioni SI il banner si presenterà ad ogni pagina navigata fino a stressare l’utente a tal punto da indurlo ad acconsentire ai cookie
  • Durata dei cookie: dipende da quanto tempo vuoi che il banner non compaia sul browser degli utenti nelle visite successive ed in conformità a quanto dichiarato sulla tua privacy policy. Io ho messo un mese.
  • Disabilita Ginger per li utenti loggati: Se non vuoi che il banner cookie non compaia agli utenti che si loggano nel tuo sito (es. utenti registrati o customer). Dovrebbe essere utile in caso di utilizzo dello stress mode.
  • Disabilita Ginger per queste pagine: Qui potete non far comparire il banner in determinate pagine, semplicemente formando un elenco.
Banner Setup

In questa sezione si configura il banner.

  • Scegli il tipo di banner: a scelta tra il tipo a barra o a finestra di dialogo
  • Posizione Banner: In alto o in basso della finestra di navigazione
  • Testo banner: Ci va il testo che avvisa dell’utilizzo dei cookie scritto sul banner. Puoi inserire un collegamento ipertestuale alla pagina della privacy policy oppure usare lo shortcode suggerito per linkare la pagina indicata nella sezione “Privacy policy”.
  • Testo Iframe: Qui ci va un testo del tipo “Abilita i cookie per vedere questo contenuto” e viene visualizzato nel caso ci siano aree del sito non funzionanti a causa del blocco dei cookie. Non mettete niente se non sapete cosa farne.
  • Personalizza i tuoi banner buttons: qui possiamo scrivere il testo dei pulsanti “Accetta Cookie” e Disabilita Cookie”. In più , possiamo decidere o meno se far apparire il pulsante disabilita cookie. Non è necessario che appaia se abbiamo scelto il blocco dei cookies opt-in nella sezione “configurazione generale”.
  • Scegli i tema Ginger: Light o Dark. Se vuoi utilizzare lo stile predefinito del plugin
  • Personalizza il tuo tema Ginger: Qui possiamo scegliere il colore dei pulsanti e dei caratteri del banner, personalizzandone i layout.
  • Custom CSS: utilizzando i css è possibile dare uno stile personalizzato al banner
Privacy Policy

In questa sezione forniamo il link alla pagina contenente la privacy policy. È possibile indicare la pagina della privacy oppure crearla direttamente da qui.

Sotto ci sono altri due flag da impostare:

  • Disabilita Click-out e Scroll per accettare i cookies nella pagina di Privacy Policy: Settato su SI, disabilita l’accettazione dei cookie tramite scroll o click in qualsiasi punto della pagina
  • Disable logging of activities and IPs: Selezionare NO. Serve a mantenere i log dei consensi all’accettazione dei cookie.
Altre Impostazioni di Ginger

All’interno del menu di Ginger troviamo altre voci.

il menu del plugin ginger cookie

IL MENU DEL PLUGIN GINGER COOKIE

  • Iniziamo dalla prima, Google Analytics. Questa voce va attivata e va inserito l’identificativo del codice di Google Analytics, se utilizzato (UA-xxxxxxx-x).
  • Custom Js: Qui possiamo inserire la url del servizio per il quale vogliamo bloccare uno javascript particolare che non è incluso nell’elenco dei cookie bloccati di default da Ginger. Es. flickr.com, tripadvisor.com, eccetera.
  • Custom Iframe: Stessa cosa come sopra ma con gli ifame (es. dailymotion.com)
  • Activity Logger: Qui troviamo i log dei consensi ai cookie. Tra le info troviamo ora, data, url visitata, indirizzo IP e consenso (Yes/No) – Vedi immagine successiva.
  • Polylang e WPML: E’ la sezione dedicata al settaggio per le traduzioni con Polylang e WPML.
  • Import/Export: Sembrerebbe una sezione dedicata alle aziende di import/export. In realtà sono presenti due campi, uno compilato con dei dati di esportazione e uno vuoto destinato ai files di importazione e servono per trasferire le impostazioni del plugin, tali e quali come sono, su un altro sito.

log dei consensi con ginger

LOG DEI CONSENSI CON GINGER

NOTA: Per esperienza personale, Ginger può essere incompatibile con determinati temi Wp o alcuni plugin. Per cui in questi casi potrebbe non comparire il banner o non comparire il pulsante “Disabilita Cookie”. In alcuni casi si è verificata la non visualizzazione di alcuni elementi che giravano in Js. In questo caso è possibile utilizzare un altro plugin, purché sia in grado di bloccare i cookie preventivamente.

Ginger e Iubenda

Se si sottoscrive l’abbonamento Cookie Privacy e Cookie Privacy di Iubenda, quello da 19 euro l’anno per capirci (che non prevede il banner), è possibile farlo lavorare insieme a Ginger. Basta prelevare la url della Cookie Privacy su Iubenda e linkarla dal banner di Ginger stesso con un’anchor text del tipo “informativa estesa”. Il link alla Privacy Policyinvece è necessario che sia sempre visibile, per cui posizionatelo in ogni pagina. Io l’ho messo nel footer.

Il Limite attuale di Ginger

È giusto che io vi dica che Ginger, non è totalmente perfetto. Cosa manca? L’esportazione del consenso ottenuto all’uso dei cookie, come previsto dall’articolo 7 del regolamento europeo, che recita: “in un contesto online, il responsabile potrebbe conservare informazioni sulla sessione in cui il consenso è stato espresso” ….. “il responsabile del trattamento deve anche essere in grado di dimostrare che l’interessato era informato“. Su richiesta delle autorità questo consenso va dimostrato mettendo a disposizione la prova del consenso acquisito.

Ginger registra il consenso ma non da l’opportunità di esportarlo. Speriamo questa mancanza sia colmata a breve. In ogni caso, il registro dei consensi ai cookie ce lo avete e aprendo il sito al “controllore” potete eventualmente dimostrarlo.

Inoltre, come già detto all’inizio, per l’acquisizione del consenso, basta dimostrare che il plugin blocca i cookies sino a che l’utente non lo concede cliccando sul pulsante “accetto i cookie” .

Print Friendly, PDF & Email
Leggi anche:  Archivio WordPress: La Top Ten degli articoli più letti nel mese di Settembre 2015.
Precedente WordPress 4.9.6, un passo in avanti rispetto a tematiche come la privacy e la sicurezza. Successivo WordPress 4.9.7 nuova versione del famoso CMS dedicata alla sicurezza e alla manutenzione.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.